Lewis Hamilton si avvicina al veganismo per salvare il pianeta.
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Lewis Hamilton si avvicina al veganismo per salvare il pianeta.

Anche Lewis Hamilton, il campione britannico di Formula Uno, si sta avvicinando al veganismo. Lo ha annunciato durante l’ultima gara tenuta al Grand Prix di Singapore sabato scorso.

Da circa due anni ha scelto di non mangiar più carne rossa, ispirato da un documentario televisivo sull’impatto ambientale dell’industria della carne, per migliorare la salute ma anche per salvare il pianeta e per amore degli animali.

Il pilota della Mercedes, quest’anno invece ha smesso di mangiare il pollo e dopo una parentesi da pescetariano ora ha eliminato anche il pesce, preferendo in questi ultimi giorni piatti esclusivamente vegetali.

Hamilton ai microfoni della BBC durante il Grand Prix di Singapore ha dichiarato “Quello che la razza umana  sta facendo al mondo, l’inquinamento che arriva solo dalla quantità di vacche che vengono prodotte è incredibile. Dicono che è più di quello che produciamo con i nostri voli e le nostre automobili, che è assurdo  da pensare: la crudeltà è orribile e non voglio assolutamente sostenerla e voglio essere sano e vivere una vita più sana “.

Il campione ha aggiunto che spera anche che con questo tipo di alimentazione possa prevenire problemi di salute come il diabete, le malattie cardiovascolari e cancro, di cui ha sofferto la sua famiglia.

Ha confessato anche il suo timore di quando sarà a casa e non saprà cosa cucinare, ma quello sarà un vero test da affrontare, incoraggiato dal fatto che ogni persona che ha conosciuto che è diventata vegana dice che è la migliore decisione che ha mai preso.

Un campione che esalta le virtù del veganismo ci fa sperare che possa essere da esempio, che continui sulla buona strada e che diffonda la sua testimonianza a favore degli animali e del pianeta che ci circonda.

Hamilton conclude il suo discorso così: “Penso che sia la giusta direzione, forse questo incoraggerà un paio di persone a fare la stessa cosa”.

di Antonella Tomassini

 

Search