Broccoli ubriachi al vino rosso: la ricetta veg | ilVegano.it
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Broccoli ubriachi al vino rosso: la ricetta veg

Piatto tipico della cucina siciliana, i broccoli ubriachi al vino rosso, in dialetto chiamati “rocculu affucatu”, sono un contorno di stagione che ci deliziano il palato.

Come cucinare i broccoli ubriachi al vino rosso

La tradizione vuole che i broccoli ubriachi vengano cucinati con le alici e la tuma, un formaggio siciliano. Ma trasformare questo piatto in versione vegan è molto semplice, basta non mettere le alici, e sostituirle con i capperi salati e qualche oliva, mentre invece del formaggio si può utilizzare il lievito alimentare in scaglie.

Protagonista indiscusso di questa ricetta, ovviamente è il vino rosso: io ho scelto il Nero d’Avola, per il suo profumo e fermezza. Potrete usare quello che più vi piace o avete a disposizione.

Difficoltà

0

Tempo di preparazione

40 minuti

Per 4 persone

Ingredienti

1 broccolo siciliano

2 cipolle bianche

Una manciata di capperi

100 ml di vino Nero d’Avola

1 spicchio d’aglio

20 gr. di olive verdi e nere

Prezzemolo

Pepe

Sale

Olio evo

Lievito alimentare in scaglie

Preparazione

Tagliamo il broccolo a cimette, dopo aver levato le foglie dure, laviamo e cuociamolo al vapore per circa 10 minuti. Mettiamolo da parte.

Nel frattempo, affettiamo la cipolla, denoccioliamo le olive e le tagliamo a pezzi,  tritiamo il prezzemolo dopo averlo lavato.

A questo punto mettiamo in padella con un filo d’olio l’aglio intero, e rosoliamolo finchè diventa dorato. Eliminiamo l’aglio ed aggiungiamo la cipolla con i capperi e le olive. Cuociamo a fiamma bassa e quando la cipolla inizia ad ammorbidirsi uniamo i broccoli, aggiustiamo di sale e pepe.

Versiamo il vino e cuociamo con il coperchio a fiamma bassa per circa 20 minuti, senza mescolare gli ingredienti. A fine cottura aggiungiamo il prezzemolo tritato e una spolverata di lievito alimentare in scaglie.

Serviamo i broccoli ubriachi caldi accompagnati da bruschette con olio, sale e origano.

Buon appetito!

di Antonella Tomassini

Editor's choice
Search