Una chef vegana per voi: Antonella Tomassini.
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Una chef vegana per voi: Antonella Tomassini.

Mi chiamo Antonella e sono vegana dal 1987.

Quando ho intrapreso questa scelta di vita sapevo solo che non volevo mangiare più gli animali perché li amavo troppo per vederli finire nel mio piatto e sapere che la loro carne diventava parte di me mi faceva soffrire.

All’epoca avevo 15 anni, non esisteva internet e informarsi sul veganesimo era alquanto difficile, anzi questa parola oggi tanto diffusa all’epoca neppure era conosciuta, si…si sapeva chi erano i vegetariani, i vegani erano chiamati semplicemente vegetaliani, e spesso, quando qualcuno ti chiedeva “perché non mangi la carne?” e rispondevi “sono vegetaliana”, pensavano addirittura che non conoscevi neppure l’italiano, credendo che avevi confuso a pronunciare una elle al posto di una erre.

Ho ancora presente dopo trent’anni davanti ai miei occhi quel maiale, autore del mio cambiamento, che fu ucciso dal contadino che viveva vicino a casa mia, e che ha segnato per sempre il mio animo con le sue grida, è per lui e per tutti gli animali costretti al macello che vorrei un mondo dove gli animali non vengono più uccisi per diventare cibo e dove non esiste nessuna sofferenza, dove gli animali puoi guardarli negli occhi per capire che vivono come noi, con emozioni, gioie e dolori.

Ho imparato presto a pasticciare con farina, pentole e padelle, e non a caso il primo regalo che ho ricevuto e di cui mi ricordo perfettamente quando ero bambina è stata la cucina mignon per bambine cuoche.

All’epoca, quando sono diventata vegana, era difficilissimo trovare nei supermercati il tofu o il seitan, io neppure li conoscevo, l’unico alimento che trovavo erano le bistecchine di soia disidratata, ed allora ho voluto imparare a cucinare gli alimenti naturali, le verdure di stagione, ed è grazie a mia madre, che mi sollecitava sempre di rimanere a guardare mentre cucinava le sue pietanze vegetali, focacce, panzerotti, pasta fatta in casa, ho appreso questa meravigliosa arte. Posso oggi dire con gioia che ho avuto una grande mamma e maestra, che mi ha insegnato l’amore per la cucina, creare una pietanza come se si trattasse appunto di un’opera d’arte o una poesia.

Attualmente mi occupo di mini corsi di cucina vegan per chi vuol imparare a cucinare vegan o per chi vuol approfondire le basi e le ricette senza derivati animali,  ed è bello scoprire che anche gli onnivori sono curiosi di conoscere, infatti oltre ad allievi vegan ho insegnato ad allievi carnivori e scettici all’inizio, che hanno cominciato ad avvicinarsi al mondo cruelty free emozionandomi per aver trasmesso loro i principi di una alimentazione sana e nutriente basata sulle verdure.

15391258_10211471187401441_2616739593790072006_oOltre a cucinare amo scrivere, forse è la mia passione più grande, sono una blogger e parlo di animali e cibo cruelty free su Vegamami da diversi anni, da qualche mese scrivo ricette e articoli anche su Il vegano, e sono felice di poter condividere i miei pensieri e le riflessioni, dare informazioni su tutto ciò che è attinente al mondo del veganesimo.

Ho pubblicato a giugno 2016 il mio primo libro Pianeta Vegan, riflessioni e ricette per un mondo cruelty free, edito da Mediterranee per testimoniare che vivere in maniera vegan è possibile e soprattutto che non comporta rinunce, al contrario è una scelta consapevole che ti porta solo giovamento. E solo l’Amore che mi spinge a cucinare e diffondere una cucina cruelty free che porta la felicità nel piatto e condividerla con gli altri vuol dire far sapere al mondo che si vive meglio senza portare la sofferenza in tavola.

Seguite le mie ricette, le mie riflessioni, venite ad ascoltarmi al mio tour #pianetavegan, chiedetemi consigli e qualsiasi cosa che volete sapere sul mondo vegan, sarò lieta di rispondervi e di ascoltarvi. 🙂

di Antonella Tomassini

Search