Platano: come cucinare il frutto tropicale dalle tante proprietà
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Platano: come cucinare il frutto tropicale dalle tante proprietà sempre più amato anche in Italia

Da poco amato anche in Italia, il platano, da non confondere con la banana, nonostante appartenga alla stessa famiglia della Musa paradisiaca è sempre più consumato sulle nostre tavole.

Platano, le sue proprietà

Il platano è un frutto tipico dell’America centro-meridionale ed ha diverse proprietà benefiche per il nostro organismo.

Si sente sempre più parlare di pizza di platano, pasta e tant’altro allora scopriamo di cosa si tratta.

Simile alla banana per forma ma molto diverso di sapore e consistenza. All’interno presenta semi duri e una buccia di colore verde o giallo.

Ideale da cuocere, è ottimo sia per ricette salate e dolci. Può sostituire tranquillamente la pasta, poiché è ricco di carboidrati semplici, sali minerali come potassio, magnesio e ferro, fibre e vitamine A, B, C.

Ottimo per mantenere una pelle lucente, per tenere sotto controllo la pressione arteriosa e per aumentare le difese immunitarie.

Il platano sembra trovare approvazione sulle nostre tavole, ma attenzione a chi vuol perdere peso, poiché non è indicato per chi segue una dieta ipocalorica, infatti 100 grammi di questo frutto apportano circa 122 calorie.

Infine è sconsigliato per chi soffre di diabete a causa dell’elevato contenuto di glucidi. Essendo privo di glutine è indicato per chi soffre di celiachia.

Come consumarlo

È preferibile consumarlo quando è maturo e di colore marroncino, mentre quando è ancora verde o giallo è consigliato cuocerlo per realizzare ricette gustose.

Sono tantissime le ricette tipiche del Brasile, dove il frutto è molto apprezzato. La più conosciuta è il platono a  chips: tagliato a rondelle e fritto e infine cosparso di zucchero o di sale.

Ma il platano è usato anche nelle zuppe e minestre, o nei frullati, o  semplicemente come purè con il latte di cocco per accompagnare secondi piatti.

In commercio si trova anche la farina, con la quale si possono realizzare torte, dolci, focacce e pane e pasta.

Come utilizzare la farina di platano

Ed ora condividiamo due ricette da realizzare con la farina di platano: a proporle è il sito Fruttalia, ideato da Luca Speranza che ci fa scoprire un piatto salato e uno dolce con questo delizioso frutto tropicale, realizzati dalla chef Daniela Victoria Medda.

Gnocchetti-di-platanoGnocchetti di platano

Questi gnocchetti realizzati con la farina di platano sono veramente deliziosi! Non ci si aspetta una tale bontà di un primo piatto “salato” con la dolcezza del platano.

Ingredienti:

Farina di platano

Acqua

Pomodorini

Basilico

Olio Evo

Procedimento

In una ciotola mettete la farina di platano (non usatela tutta, lasciatene almeno 1/4) aggiungete a poco a poco dell’acqua, fino ad ottenere un composto modellabile.

Spolverate su una superficie piana un po’ di farina di platano rimasta e date forma ai vostri gnocchetti, proprio come fareste con la comune farina bianca.

Portate a bollore un pentolone pieno d’acqua, immergetevi gli gnocchi e mescolate, 5 minuti di cottura saranno sufficienti, prima di spegnere il fuoco assicuratevi che sono cotti anche all’interno, non si deve vedere la parte chiara e asciutta ma deve essere come l’esterno.

Scolateli, versateli in una ciotola e aggiungete dell’olio evo mescolando per evitare che si attacchino. Tagliate i pomodorini e spezzettate il basilico, unite il tutto e mescolate.

Torta-di-mele-e-platano1Torta di mele e platano

Questa torta di mele è 100% fruttariana, utilizzando come base la farina di platano.

Ingredienti:

Farina di platano

Acqua o centrifugato di mele

Mele

Bacche di Goji o uvetta

Procedimento:

Mescolare in una ciotola la farina di platano con dell’acqua o centrifugato di mele fino ad ottenere un composto omogeneo e la densità tipica di quando si fa una torta “classica”, né liquida né densa. Tagliare le mele a tocchetti o a fettine, unirle al composto.

Aggiungere le bacche di Goji o l’uvetta precedentemente ammollata.

Mescolare il tutto.

Mettere il composto in una tortiera ed infornare per circa 30 minuti…

Spolverare con della farina di carrube per decorare.

Provate anche voi i piatti di Daniela, e se avete ricette da suggerire saremo lieti di sperimentarle.

di Antonella Tomassini

 

Editor's choice
Search