DiCaprio investe nel marchio vegano Beyond Meat | ilVegano.it
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

DiCaprio investe nel marchio vegano Beyond Meat

La notizia è di qualche mese fa, anche l’attore Leonardo DiCaprio, attento alle problematiche ambientale e sostenitore dell’alimentazione vegana, preceduto già da altri nomi importanti come Bill Gates, General Mills, Obvious Corporation , Biz Stone e Humane Society, ha investito nel marchio vegano Beyond Meat.

La carne vegetale di Beyond Meat.

Beyond Meat è un’azienda californiana che dal 2009 produce carni vegetali con 11mila negozi tra Usa e Hong Kong e che per prima ha lanciato sulla grande distribuzione un “burger vegetale che sembra di manzo”, il Beyond Burger.

Ethan Brown, fondatore dell’azienda ha dichiarato: “Sono entusiasta di accogliere ufficialmente Leonardo DiCaprio nella famiglia Beyond Meat. Il suo investimento riflette perfettamente la nostra visione in cui i prodotti alimentari provenienti dalle piante hanno vantaggi per la salute umana, il clima, le risorse naturali e gli animali ovviamente.”

 

DiCaprio investe nei burger vegani a base di piselli, olio di cocco e succo di barbabietola.

beyond meatIl premio Oscar ha replicato che Beyond Meat rappresenta una misura utile per combattere le emissioni di carbonio e per ridurre l’impatto sul nostro clima.

Non è poco se si pensa che i burger vegani di Beyond Meat a base di piselli, olio di cocco e succo di barbabietola, anche se hanno sapore e odore della carne quando cuoce, consentono di risparmiare il 95% di terra e il 75% di acqua rispetto alla carne animale, abbattendo le emissioni di gas serra dell’87%.

Il mondo delle proteine.

L’obiettivo è quello di conquistare i mangiatori di carne, infatti i burger vegetali di Beyond Meat privi di ormoni e di colesterolo, sono venduti nel frigo della carne, con la speranza che possano finire nel carrello della spesa di chi pensa di non poter rinunciare alla carne dimostrando che non c’è bisogno di uccidere gli animali per mangiare un burger al sangue.

E noi ci auguriamo che Beyond Meat, il futuro delle proteine possa convincere tutti.

di Antonella Tomassini

 

Search