Cavolfiore: la verdura dalle tante proprietà benefiche | ilVegano.it
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Cavolfiore: la verdura dalle tante proprietà benefiche

Il cavolfiore, un ortaggio tipicamente della stagione invernale, appartiene alla famiglia delle Crucifere, si coltiva da settembre fino a maggio soprattutto nella parte centro-meridionale dell’Italia.

L’ortaggio che fa bene al corpo.

È un ortaggio da consumare almeno due volte a settimana per poter beneficiare di tutte le sue proprietà ed essendo poco calorico infatti 100 g di cavolfiore bollito contengono 25 kcal, è ideale anche per chi vuol mantenere il proprio peso o segue una dieta dimagrante, poiché ha un elevato potere saziante.

Proprietà benefiche del cavolfiore.

Il cavolfiore ha moltissime proprietà benefiche per il nostro organismo: antiossidante, anticancro soprattutto per il colon, antibatterica, antinfiammatoria, antiscorbuto. Inoltre il suo consumo contrasta l’ipertensione e il diabete, regolarizzando il livello degli zuccheri nel sangue, stimola la funzione della tiroide, ed è indicato anche per chi soffre di colite ulcerosa, mentre il succo di cavolfiore, ottenuto con la centrifuga è un ottimo rimedio naturale contro il raffreddore e l’influenza.

Il cavolfiore contiene l’84% di acqua, ricco di sali minerali come potassio, calcio, fosforo, ferro, vitamina A, utile per le ossa,  vitamina C e vitamina B9 (acido folico), utile non solo in gravidanza ma anche per la pelle e la vista. Buona fonte di fibre che aiutano a regolarizzare il transito intestinale.

Il cavolfiore in cucina.

In cucina i cavolfiori si possono mangiare sia crudi che cotti, ma è preferibile sempre consumarli freschi, poiché sono facilmente deperibili, infatti  una volta cotti si mantengono in frigo per circa due giorni. E consigliato comprare cavolfiori con infiorescenze sode, senza macchie e con foglie croccanti e  ben chiuse che indica che l’ortaggio è fresco. Si possono fare gratinati al forno, al curry in padella, come condimento di zuppe e pasta e in tanti altri modi.

Forse non sapevate che per eliminare il cattivo odore che emana durante la cottura, dovuto alla presenta di tiocianati tiouree, basta appoggiare sul coperchio un pezzo di pane raffermo bagnato nell’aceto.  

Inoltre l’acqua di cottura del cavolfiore essendo ricca di zolfo, può essere un ottimo rimedio naturale contro l’acne.

Leggi anche:

Come fare le polpettine vegan spezza fame.

Controindicazioni.

È opportuno non farne un consumo eccessivo se si soffre di ipotiroidismo, o di colon irritabile, per evitare ulteriori gonfiori all’ addome e se si soffrono di altre patologie è consigliato chiedere al proprio medico.

di Antonella Tomassini

Search