Daniza il nuovo libro per bambini di Stefania Bisacco
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Daniza il nuovo libro di Stefania Bisacco, lanciato con crowdfunding per insegnare ai bimbi l’amore per gli animali e sostenere il rifugio Ippoasi

Insegnare ai nostri bambini l’amore per la natura e per gli animali è fondamentale. Renderli consapevoli e partecipi di quello che ci circonda non sempre però è facile. Spesso per un genitore leggere un libro illustrato pieno di parole tenere e immagini colorate che parlano degli animali è il modo migliore per avvicinarsi a tematiche spesso crudeli e piene di sofferenze che i bambini accoglieranno meglio di qualsiasi altra favola. Quale miglior occasione allora, se non a Natale regalare un emozionante libro, intitolato Daniza, una storia vera scritta da Stefania Bisacco, che ha come protagonista l’orsa uccisa qualche anno fa, e il cui ricavato tra l’altro andrà in beneficenza ad un rifugio che ospita animali salvati da maltrattamenti e sofferenze?

Stefania Bisacco ci racconta Daniza

Incontriamo Stefania, 44 anni, torinese, autrice e illustratrice di libri per bambini, che ha cominciato il suo impegno per gli animali all’età di 13 anni, da quando ha smesso di mangiarli. Volontaria per molto tempo in canile e dopo aver riscattato animali d’allevamento e dedicato il suo tempo alle realtà dei rifugi la Bisacco decide di scrivere storie per i più piccoli per far capire l’importanza dell’amore per gli animali.

Crowdfunding animalista

Daniza, il suo ultimo lavoro è un progetto lanciato con un crowdfounding animalista, con lo scopo di sostenere le ingenti spese di gestione di Ippoasi e di divulgare un libro per bambini a tema antispecista. Rappresenta il terzo libro realizzato nell’ambito del progetto di autoproduzione editoriale a tema antispecista, cominciato da Stefania con Otto maiale speciale e proseguito con il volume intitolato Con Occhi Animali.

Come nasce l’idea di realizzare libri per bambini con tema antispecista?
Ho avuto l’idea di realizzare questi libri tre anni fa, per riempire un vuoto che io per prima sentivo: infatti le illustrazioni che mi vengono solitamente commissionate rappresentano animali, ma sempre in maniera antropomorfa, gli animali diventano il “veicolo” di storie umane. Ho pensato dunque di scrivere e illustrare storie differenti, storie che raccontassero, ovviamente con la giusta delicatezza, visti i destinatari ovvero bimbi e bimbe piccole, il punto di vista degli altri animali.

Quindi anche i tuoi libri precedenti hanno come protagonisti animali di storie vereDaniza?  

Ho cominciato con Otto Maiale Speciale, ovvero una fiaba basata sulla storia del primo maiale che ho riscattato da un allevamento: il titolo lo definisce “speciale” ed è così che Otto si percepisce all’inizio del racconto, visto il suo felice destino. Ma quello che intuisce Otto alla fine del racconto è di essere uguale a tutti gli altri animali, solo, rispetto a loro, molto più fortunato. 

In ogni libro c’è un insegnamento per i bambini, cosa intuisce il piccolo lettore che legge Con Occhi Animali?

Il libro Con Occhi Animali, sicuramente è il più particolare dei tre: è un viaggio in forma di sogno nelle vite degli altri animali, dove alla fine il protagonista che si rivela essere lo stesso lettore/lettrice, capisce che il valore più grande per tutti gli animali è la libertà, anche per quelli domestici che sente di amare così tanto: le illustrazioni alternano immagini di libertà animale con altre di prigionia, ad esempio, il circo, per creare un efficace contrasto. 

Daniza, invece il tuo ultimo libro sappiamo che racconta una storia vera che nessuno potrà dimenticare accaduta nell’estate del 2014, mettendo in risalto gli animali e il proprio ambiente naturale. Cosa vuol insegnarci?

L’ultimo libro realizzato è basato sulla storia vera della famosa orsa braccata e uccisa per aver aggredito un cercatore di funghi allo scopo di proteggere i suoi due cuccioli in Trentino. Anche questa volta, come già in Con Occhi Animali e Otto maiale Speciale, la narrazione prende le mosse dal punto di vista degli animali che ne sono stati protagonisti, in particolare quello dei due cuccioli di Daniza, rimasti orfani.
Purtroppo la storia di Daniza non è stata l’ultima, dal momento che anche una sua figlia ha incontrato il medesimo destino, e pochi giorni fa anche un orso maschio appena attraversata la frontiera. Questo ultimo libro dunque si focalizza sui selvatici, che si trovano sempre più alle strette in un ambiente antropizzato e invaso dalla presenza umana, e vuole stimolare una riflessione proprio sul modo in cui approcciarsi agli ambienti naturali e agli animali che li abitano. 

A che fascia di età sono rivolti i tuoi libri?

Sono classici libri illustrati per bambini e bambine di un’età compresa tra i 2 e i 10 anni, che hanno per daniza-librodi più una finalità benefica: infatti ogni anno il ricavato delle vendite, sottratte le spese di realizzazione delle ricompense, viene devoluto ad un rifugio per animali attraverso un crowdfunding. Il primo anno ho aiutato Luna Corre, Casa Famiglia per Animali problematici vicino a Milano, lo scorso anno Agripunk, rifugio per animali di ogni specie ad Ambra, vicino a Grosseto e quest’anno la Fattoria della Pace Ippoasi che si trova a Pisa. Questo luogo, creato e sostenuto dalla passione di alcuni volontari, ospita animali salvati da macelli, gabbie e sfruttamento, che oggi vivono liberi e felici.

Sicuramente, l’iniziativa di Stefania Bisacco è lodevole, per questo vi suggeriamo di leggere con i vostri bambini questi magnifici libri e aderire al suo crowfunding.

Facciamoci uno splendido regalo di Natale a noi e ai nostri figli. 🙂

di Antonella Tomassini

 

Editor's choice
  1. Daniza. Una storia vera • Genitori veg dicembre 17, 2018 at 7:19 am

    […] Bissacco, Daniza. Una storia vera, […]

Search