Tatuaggi cruelty free.
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Tatuaggi cruelty free.

Chi non ha almeno un tatuaggio o ne vorrebbe almeno uno? A volte scegliamo un’immagine che ci raffiguri oppure un disegno astratto e ultima tendenza frasi che accompagneranno la nostra vita per sempre o i nostri amici a 4 zampe. Il mercato del tatuaggio non ha limiti, colori che invadono la nostra pelle, per esternare i nostri ideali e pensieri. E quando scegliamo il tatuatore, ci preoccupiamo non solo dell’igiene del locale, ma anche della sterilizzazione degli aghi e della bravura di chi disegnerà sulla nostra pelle perché per il nostro corpo non badiamo a spese.

Ma quanti sanno che alcuni inchiostri, saponi e unguenti  per tatuaggi possono non sono cruelty free ?

Durante la scuola di formazione per diventare tatuatore, gli allievi per esercitarsi disegnano e tatuano sulla pelle del maiale morto. In alcuni casi si usano anche maiali vivi che vengono sedati e depilati, costretti a sofferenze terribili. Quando sarebbe più opportuno trovare dei volontari, disposti a correr il rischio che l’opera potrebbe non venire perfetta ma con la certezza di avere un tatuaggio gratis.

Analizziamo alcuni fattori inerti al mondo del tattoo.

13100713_597287633770122_843435251559537442_n

Il colore nero  contiene ossido ferroso E172, che è testato sugli animali, la polvere di carbone, che si ottiene dalla combustione delle ossa animali, e viene utilizzata per creare le sfumature del nero, quando invece si potrebbe utilizzare l’estratto della pianta di campeccio, che come unico svantaggio ha quello di “scolorire” nel tempo e se ci si espone troppo al sole.

Per fortuna, molti tatuatori si stanno adeguando ad una scelta cruelty free, sostituendo la pelle di maiale con una pelle sintetica, e soprattutto usando inchiostri a base vegetale.

A Roma, troviamo 3 rd EYE TATTOO STUDIO, in via Chianti 3, dove il tatuatore Federico Iacoponi, ci garantisce di usare prodotti non sperimentati sugli animali, offrendo anche una grande varietà di disegni a tema vegan.

Quindi se siamo vegan e vogliamo farci un tatuaggio, possiamo affidarci tranquillamente a professionisti che hanno scelto l’etica.

di Antonella Tomassini

Search