Mary Louise Cosmetics: il nuovo brand di biocosmetica vegana
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Mary Louise Cosmetics: il nuovo brand di biocosmetica vegana lanciato con soli 200 dollari

Nato con un budget di soli 200 dollari il nuovo marchio di biocosmetica vegan, Mary Louise Cosmetics, dedito alla produzione di prodotti per la cura della pelle naturali al 100% e di alta qualità.

Come nasce il brand Mary Louise Cosmetics

A creare Mary Louise Cosmetics è stata Akilah Releford, una giovanne di 22 anni che ha iniziato la sua carriera lanciando sui social consigli e suggerimenti per ottenere una pelle perfetta e promuovendo maschere di bellezza fai da te. Un gran successo per la giovane Akilah che l’ha spinta in seguito a ideare una vera e propria linea cosmetica cruelty free.

Obiettivo della nuova azienda è quello di aiutare ad avere una pelle sana e luminosa utilizzando i migliori ingredienti naturali, senza parabeni e non tossici sia per le donne che per gli uomini.

Il fondatore e CEO di Mary Louise Cosmetics racconta sul sito ufficiale di aver sviluppato la sua passione per la cura della pelle in giovane età. Infatti le sue nonne Mary e Louise, dalle quali l’azienda prende il nome, erano donne estremamente innovative che enfatizzavano l’uso di rimedi casalinghi puri ed efficaci, metodi che hanno ispirato la giovane imprenditrice.

Dopo aver lasciato l’università e il suo lavoro part-time a Zara, persegue i suoi sogni di imprenditorialità e produce con i soldi che ha risparmiato il primo prodotto, la maschera di argilla a base di olio, chiamata Mississippi Mud.

Una linea biocosmetica e vegana

Mary-Louise-CosmeticsTutti i prodotti sono vegani al 100% e sono realizzati a mano negli Stati Uniti.

Il Miracle Serum è l’articolo più richiesto della startup, con il suo ingrediente base baobob oil, che deriva da un albero da frutto che cresce in diverse aree dell’Africa ed è un siero che funziona straordinariamente per sbiancare le cicatrici da acne e curare le macchie scure della pelle.

Essere imprenditrici a vent’anni non è facile, ma Akilah ha le idee ben chiare e ci fa sperare in un cambiamento e in una visione di un mondo senza crudeltà.

di Antonella Tomassini

 

Editor's choice
Search