Ma come il seitan fa male? - IlVegano.it
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Ma il Seitan fa male?

Navigando per il web mi sono imbattuto in un articolo che mi ha colpito molto dal titolo:

“Seitan: il veleno vegano?” 

Visto il titolo, assolutamente attrattivo, mi è sembrato giusto capire meglio di cosa si trattasse per discuterne con voi.

L’articolo riporta semplicemente ad un video postato sul canale Youtube del sito miglioriamoci.net e ve lo ripropongo di seguito così che possiate farvi anche voi un’idea sul contenuto.

Buona visione!

Nel video vengono descritte le caratteristiche principali del Seitan e viene descritto come esso sia il principale alimento utilizzato dai vegani per sostituire le proteine animali.

Inoltre, viene giustamente sottolineato come il Seitan sia un prodotto derivante dal glutine: proteina naturale ricavata dal frumento.

Il glutine è il protagonista principale dell’ultima parte del video e sulla sua assunzione, l’autore del video intende mettere in guardia il suo pubblico.

bambino sorpresoQuesta proteina viene descritta come particolarmente aggressiva nei confronti dell’intestino a causa della “colla” che produce: colla che ostacola l’assorbimento dei nutrienti e che contribuisce ad intossicare il nostro l’organismo.

Ovviamente tale allarme viene lanciato a tutela di coloro che hanno sposato la cultura alimentare vegana, i quali assumono il glutine sia quando mangiano alimenti come la pasta o il pane e sia quando mangiano il seitan in sostituzione della carne. 

Il consiglio finale dell’autore del video è quello di sostituire il seitan con i legumi e con i cereali al fine di introdurre nel nostro organismo tutte le proteine che introdurremmo con la carne.

Partendo dal presupposto che sia una cosa ovvia e scontata che ogni eccesso, di qualsiasi tipo esso sia, non può che produrre effetti negativi sulla nostra salute, cosa ne pensate di questo invito ad evitare di mangiare il seitan?

Allarmismo ingiustificato?

Quante volte alla settimana credete sia giusto mangiare il seitan?


Nel caso tu sappia poco sul seitan, ti aiutiamo a scoprirne qualcosa in più e il modo per realizzarlo in casa così da avere sempre a disposizione un prodotto di alta qualità.

Cos’è il Seitan?

Il Seitan, come specificato in precedenza, è un composto che si ottiene estraendo il glutine dalla farina.
Solitamente, le farine utilizzate per preparare il seitan “classico” sono quelle di grano tenero, di farro oppure di Khorasan (il Khorasan è una farina di un frumento orientale più conosciuta con il nome Kamut che però è il nome della più importante azienda che la produce).

E’ però possibile ricavare il Seitan anche da altre farine, tipo quelle integrali o di segale. Anzi vi invito a sperimentare nuove versioni, preparando il Seitan fatto in casa con il metodo che in seguito vi spiegherò.

Il Seitan è un alimento vegetale altamente proteico che si ottiene separando le proteine idrosolubili e quelle liposolubili attraverso uno procedimento meccanico. I suoi valori nutrizionali sono:

SEITAN (valori per 100gr)

  • Acqua: 58gr
  • Proteine: 36gr
  • Carboidrati: 5gr
  • Grassi: 0.5gr

Come è ben evidente, un’altra caratteristica fondamentale del Seitan è il suo basso contenuto di grassi. Quelli che contiene sono i cosiddetti “grassi buoni”, i grassi monoinsaturi, cioè quelli che fanno bene al sistema cardiovascolare!

Per inserirlo correttamente all’interno di una dieta vegana è necessario sapere che 100 grammi di Seitan conferiscono un apporto calorico pari a circa 168 calorie.

Alcuni aspetti negativi del Seitan

Oltre ad essere particolarmente sconsigliato a coloro che hanno intolleranze alimentari oppure che soffrono di celiachia, in virtù dal suo elevato contenuto di glutine, il Seitan presenta ulteriori svantaggi:

  • il Seitan manca di alcuni fondamentali tipi di amminoacidi come la lisina ad esempio;
  • i suoi carboidrati hanno un elevato indice glicemico;
  • è carenti in alcune vitamine, come ad esempio la B12, e in alcuni minerali.

Dove acquistare il Seitan

Il Seitan può essere acquistato praticamente in tutti i supermercati in virtù del fatto che ormai viene utilizzato anche da chi non adotta un’alimentazione esclusivamente vegetariana o vegana.

E’ possibile acquistarlo in diversi formati, al naturale, cotto alla piastra, aromatizzato o affumicato, pronto per antipasti o per la preparazione di primi o secondi piatti.

La cosa più interessante, però, è che il Seitan può essere preparato, senza troppo dispiego di energie, anche a casa.

Il che lo rende anche un alimento molto economico!

Come fare il Seitan fatto in casa

Il procedimento che permette di fare il Seitan fatto in casa è piuttosto semplice.

Esso consta di poche fasi che richiedono meno di un’ora di tempo.

Andiamo a vederle insieme!

SEITAN FATTO IN CASA: COSA SERVE

  • 1KG di farina di grano tenero (ideale Kamut o Manitoba)
  • 650gr di acqua
  • Brodo vegetale (che si può realizzare con ingredienti a scelta)

SEITAN FATTO IN CASA: FASE 1

Impastare energicamente la farina con l’acqua fino ad ottenere un impasto bello compatto come quello per la pizza.

SEITAN FATTO IN CASA: FASE 2

Aggiungere acqua calda sull’impasto fino a che il livello dell’acqua non ricopra l’intero composto. Fare poi riposare per circa 15-20 minuti.

SEITAN FATTO IN CASA: FASE 3

Terminato il tempo di riposo, si continuare ad impastare per pochi minuti.

Successivamente, mettere l’impasto all’interno di uno scolapasta e sotto l’acqua corrente. Ora si può procedere con l’operazione di lavaggio, ovvero si continua ad impastare il composto sotto l’acqua corrente così da separare il glutine dagli altri elementi. Tale lavaggio deve proseguire fino a che l’impasto non diventa di colore giallino e di una consistenza molto elastica.

SEITAN FATTO IN CASA: FASE 4

Quarta ed ultima fase consiste nel far bollire l’impasto nel brodo vegetale per circa 40-45 minuti.

A questo punto il Seitan fatto in casa è pronto!

Ora devi solo pensare a quale ricetta realizzare e con cosa accompagnarlo.

Per rendere più chiaro questo procedimento sul come fare il seitan a casa, vi suggerisco di seguire il video seguente:

Cosa ne pensi di questo articolo sul Seitan?

Faccelo sapere nei commenti o sulla nostra pagina facebook!

Search