Aneto: scopriamo i benefici e l'uso della pianta medicinale. | ilVegano.it
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Aneto: scopriamo i benefici e l’uso della pianta medicinale.

L’aneto è una pianta dai piccoli fiori gialli appartenente alla famiglia delle Ombrelliferae, originaria dell’India, ha azione carminativa e antispasmodica, utile rimedio naturale contro l’alitosi, l’insonnia e la cellulite.

Ha un sapore aromatico e intenso simile a quello del finocchio e dell’anice. Usato sin dai tempi dei Greci nella medicina popolare per calmare gli attacchi epilettici e molti altri disturbi e nell’antica Roma per aumentare la forza fisica dei gladiatori, l’aneto oggi ha notevoli proprietà benefiche, sia in cucina che come rimedio naturale.

Utile per l’espulsione di gas da stomaco e intestino, in caso di colite, singhiozzo e contro l’alitosi. Ha proprietà diuretiche e depurative, utile per chi soffre di cellulite, e ha benefici anche contro l’insonnia se assunto prima di andare a dormire. Ha proprietà anticancro, grazie a sostanze chiamate monterpeni, che sono in grado di stimolare la secrezione di un enzima antiossidante, glutathione-S-transferase.

Inoltre aiuta a rinforzare e rigenerare le unghie fragili, grazie agli impacchi fai da te preparati con i semi e le foglie.

Della pianta si usano i semi essiccati di colore marroni – verdi e le foglie. L’aneto contiene proteine, carboidrati, grassi, sodio e fibre alimentari.

100 gr. di aneto contengono 43 kcal.

In cucina serve per insaporire e rendere più gustose molte pietanze a base di verdure, zuppe e legumi, o per aromatizzare i sottaceti o per fare l’olio aromatizzato, o un liquore per favorire la digestione.

Inoltre curativa è la tisana all’aneto, che ha azione depurativa, per prepararla occorre mettere 1 cucchiaio di semi essiccati o di foglie in una tazza di acqua bollente per dieci minuti, che filtriamo prima di bere.

Si può preparare con l’aneto anche un ottimo pesto per condire la pasta. Basta frullare un mazzetto di aneto, aggiungere prezzemolo, coriandolo, una manciatina di mandorle, uno spicchio di aglio, olio, un pizzico di sale e 1 cucchiaio di lievito alimentare in scaglie.

Non ci sono controindicazioni, ma è sconsigliato usare l’aneto in gravidanza e durante l’allattamento e in caso di infiammazioni alle vie urinarie, o se si sta esposti al sole o sottoposti a trattamenti con raggi ultravioletti.

Approfittando della primavera possiamo seminare l’aneto nel nostro orto posizionandolo al riparo, vicino a una siepe o a un muro, poiché non sopporta il vento e ricordiamoci che va annaffiato  con regolarità.

di Antonella Tomassini

 

Aneto
Per marinare le verdure, insalate e patate

Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

€ 9.77

Search