Progetto chiudere i mattatoi: la speranza di Franco Libero Manco
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Progetto chiudere i mattatoi: la speranza di Franco Libero Manco

In questo ultimo tempo si discute sempre più di come vivono gli animali da reddito negli allevamenti intensivi, di come vengono trasportati nei mattatoi in camion stretti e in condizioni drastiche e di come gruppi di manifestanti protestano davanti a questi per sensibilizzare i passanti di queste atrocità. Chiudere i mattatoi è una speranza di moltissime persone.

NoMattatoio

Noto è il gruppo NoMattatoio, di cui vi abbiamo già parlato, che si batte da anni per diffondere le crudeltà che avvengono all’interno di questi luoghi, svelando come si legge sul loro volantino, alla collettività cosa c’è dietro proprio quella fettina di carne che con gesti abitudinari e sostenuti dalla consuetudine viene messa nel carrello della spesa.

chiudere-i-mattatoi

Ma tantissimi sono i gruppi animalisti sparsi in tutti il mondo che hanno un solo obiettivo: quello di chiudere i mattatoi. Anche il saggista vegano Franco Libero Manco ha questa speranza, e da anni lotta per la parità di tutti gli animali. Le sue parole, che vogliamo riportare in questo articolo possano essere un passo importante per capire e cambiare le nostre abitudini e imparare cosa sia il rispetto per tutti gli esseri viventi.

La parola a Franco Libero Manco

Uno slogan, una speranza, un’utopia. Tutte le grandi innovazioni nascono nell’utopia. Nessuno di noi  si illude perché tutto dipende dell’evoluzione civile, morale e spirituale di un popolo. Sappiamo che la nostra battaglia è impari e disperata. Noi lottiamo con le fionde contro i carri armati. Ma sappiamo che anche un carro amato è vulnerabile e che se agiremo concordi e determinati vinceremo la nostra battaglia.

Sappiamo benissimo che forse solo i figli dei nostri figli vedranno l’alba di un’umanità migliore, finalmente libera dalla violenza, dalle ingiustizie, dalle malattie, dal dolore. Siamo certi che questo accadrà, perché è nell’ordine naturale delle cose.

Noi siamo gli “anticorpi” dell’Organismo Terra, per questo stiamo ponendo a dimora il seme della chiusura definitiva dei mattatoi. Il percorso sarà lungo ed insidioso ma alla fine l’amore, la civiltà, la giustizia prevarranno, inevitabilmente: perché il futuro appartiene a chi difende la Vita.

Io sono sicuro che non passeranno molte generazioni e nei luoghi dove ora sorgono i mattatoi vi sarà una stele commemorativa, a perenne ricordo del lato più oscuro della storia e della coscienza umana, su cui, probabilmente, sarà scritto:

“In questo luogo, ad imperitura vergogna del genere umano, milioni di animali muti, indifesi ed innocenti vennero sistematicamente massacrati per essere divorati dagli umani. In questo luogo di spavento e di dolore sono stati versati fiumi di sangue, non per odio, non per vendetta ma per il semplice piacere gastronomico. In questo luogo hanno sofferto il terrore della morte e l’agonia non mostri sanguinari, feroci predatori ma miti e servizievoli nostri compagni di viaggio. In questo luogo fu negata la fratellanza biologica universale, fu disprezzata la vita e la sofferenza, fu calpestata la pietà, fu ucciso il rimorso, derisa la compassione, schernito l’amore. In questo luogo di orrore e di barbarie, in questo campo di perenne sterminio, in questa fucina di crudeltà e di insensibilità, in questo luogo trionfò a lungo non la civiltà ma l’arroganza più vile e regressiva, non l’amore ma l’egoismo più impietoso e distruttivo, non la giustizia ma l’ignoranza e la morte”.

chiudere-i-mattatoi

Cosa occorre per realizzare il progetto

Secondo il saggista per realizzare il progetto occorre considerare i mattatoi come simbolo della battaglia animalista per spingere le varie associazioni e movimenti ad impegnarsi in modo prioritario nel raggiungimento di questo obiettivo;organizzare programmi di informazione e sensibilizzazione dell’opinione pubblica mediante volantinaggi, tavoli di informazione, conferenze e quant’altro utile allo scopo a dimostrare l’ingiustizia e gli orrori della cultura dei mattatoi e dell’alimentazione carnea; raccogliere suggerimenti su come mettere in atto programmi intesi a suscitare nella gente il giusto e naturale disgusto per la carne; raccogliere adesioni alla campagna di personaggi del mondo della cultura, della scienza, dello spettacolo, dell’arte.

Ma anche organizzare manifestazioni di protesta davanti ai mattatoi con l’invito agli addetti alla macellazione a cercare lavori alternativi; proposta di erigere un monumento a tutti gli animali brutalizzati dall’uomo nei mattatoi e non.

Lanciare la proposta provocatoria in modo che ognuno che mangia la carne debba dover uccidere con le proprie mani l’animale che intende divorare, oppure proporre visite guidate ai mattatoi dove ognuno può rendersi conto da dove viene la sua bistecca.

Ultima ed importante considerazione sul progetto

Dagli ultimi dati risulta che in Italia vi siano circa 5 milioni di vegetariani. Ma considerando che nelle case degli italiani vi sono circa 30 milioni di animali domestici è lecito supporre che coloro che amano gli animali possano essere almeno 10 milioni:  un esercito di persone potenzialmente vegetariane.

Occorre dunque fare in modo che tutti gli animalisti diventino vegetariani.

Auguriamo a Franco Libero Manco che il suo progetto “Chiudere i mattatoi” si realizzi al più presto.

di Antonella Tomassini

 

 

Search