Come preparare i pici al pesto di cavolo nero, piatto tipico della Toscana | ilVegano.it
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Come preparare i pici al pesto di cavolo nero, piatto tipico della Toscana

I pici sono pasta fresca simile agli spaghetti ma più larghi e corti, tipici della tradizione culinaria Toscana, considerati tempo fa un piatto povero della realtà contadina.

Preparati semplicemente con farina, acqua e sale e conditi nelle numerose varianti.

Si abbinano con il pesto di cavolo nero e, questa è la ricetta per fare i pici in casa e il pesto ovviamente è in versione cruelty free.

Consiglio di preparare un po’ di più di pici perché sicuramente il giorno dopo vorrete provarli con una squisita variante che vi darò alla fine di questa ricetta. 🙂

Difficoltà

00

Tempo di preparazione

1 ora circa

Per 4 persone

Ingredienti

Per i pici

1kg di farina integrale

½ L di acqua

Sale q.b.

Per il pesto di cavolo nero

400 gr. di cavolo nero

80 gr. di pinoli

40 gr. di mandorle

1 spicchio di aglio

Olio evo

Lievito alimentare in scaglie

Sale e pepe

Preparazione

Prepariamo i pici fatti a mano, impastando la farina con l’acqua tiepida e un pizzico di sale per circa 10 minuti. Lasciamo riposare l’impasto per 30 minuti e copriamolo con la pellicola.
DSC_3876-750x335Stendiamo su un piano di lavoro infarinato e creiamo una sfoglia alta un centimetro, tagliamo delle striscioline e lavoriamole tra le mani filando i pici in maniera sottile e uniforme, ponendoli in un vassoio, spolverandoli con la farina per non farli appiccicare.

Prepariamo ora il pesto, puliamo il cavolo nero, eliminiamo i gambi più duri, laviamolo e mettiamolo a bollire per 15 minuti in una pentola di acqua salata.

Scoliamo il cavolo conservando l’acqua di cottura e mettiamolo in acqua fredda per qualche minuto per non farne perdere il colore.

In un frullatore poniamo le foglie strizzate, aggiungiamo il pepe, l’aglio e l’olio, i pinoli, le mandorle ed infine il lievito alimentare. Frulliamo finchè il composto diventa morbido e cremoso.

Versiamo la pasta nell’acqua di cottura del cavolo e facciamo cuocere per circa 7 minuti aggiungiamo il condimento e facciamo saltare il tutto in padella prima di servirlo.

Ed il piatto è pronto per essere gustato.

I pici, come vi anticipavo all’inizio, saranno buonissimi il giorno dopo cucinati con un condimento ancora più povero, vi suggerisco allora di assaggiare i pici alle briciole, ossia ci occorrono 100 gr. di mollica di pane, un filo di olio, 2 spicchi di aglio e peperoncino.

Facciamo rosolare a fuoco basso in padella e poi condiamo i pici. Niente di più semplice.

di Antonella Tomassini

 

Search