Una mamma vegana contro tutti: la testimonianza di Clara.
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Una mamma vegana contro tutti: la testimonianza di Clara.

Troviamo interessante condividere la testimonianza di una mamma vegana, Clara D’Attorre, letta sul bellissimo blog bambinonaturale.it, dove racconta la sua esperienza non facile con i pediatri all’inizio della sua scelta etica, lo svezzamento della sua bambina e di come si può rinunciare con attenzione a tutti i derivati animali.

Buona lettura!

Quando è arrivata la mia bambina io ero vegana da soli quattro mesi! E all’inizio di ogni cambiamento credo ci sia proprio l’esigenza di essere il più ligi possibile alla nuova scelta.

Così io non sgarravo di un millimetro, e mi sentivo quasi in colpa se, anche senza volerlo, mangiavo un alimento che contenesse derivati animali. Pensate al pane: dovrebbe essere il primo alimento a base solo vegetale, farina, acqua e sale, a volte un po’ d’olio extra vergine d’oliva.

Invece no! Da quel lontano aprile ho scoperto ( prima non ci facevo caso ) che nel pane spessissimo ci possiamo trovare lo strutto, perché il pane viene più friabile e più gradevole al palato…

Ovviamente la piccolina non aveva bisogno ancora del panettiere e io ho avuto tutto il tempo per cercare quello giusto, che non era nemmeno tanto lontano da casa.

Non ho potuto allattarla e il primo problema è stato la ricerca del latte formulato senza latte vaccino. Ovviamente parlarne con la pediatra della A.S.L è stato pressoché impossibile, così ci siamo fatti seguire da un pediatra privato che potesse rassicurarci e seguirci nella crescita di nostra figlia.

Ho usato il plurale perché ho avuto la fortuna di avere al mio fianco un marito che mi ha seguito e mi segue nella scelta sia mia, sia per la nostra bambina, e sopratutto che mi sostiene e mi affianca nelle “battaglie” quotidiane.

Una cosa che ho trovato e trovo tutt’ora difficile da far capire è che le proteine animali, almeno fino ai tre anni, dovrebbero essere escluse dall’alimentazione dei bambini. Le obiezioni sono numerose e agguerrite, da “ma dove le prende le proteine necessarie?” ai vari “chi sei tu per decidere per lei?” (sua mamma, per esempio?? ), arrivando ai terribili “come puoi privarla del gusto delle lasagne al forno?”… Avrei dovuto scrivermele tutte le obiezioni, oggi avrei frasi da riempire un libro intero!

Mamma mia quanta paura dietro ad argomenti sconosciuti, e questo lo posso capire. Poi inizi a portare studi, esempi, argomenti a favore della tua tesi e invece non cambia nulla, nessuno vuole o può crederci. Costa fatica cambiare, mettere in discussione anni di granitiche certezze!

Senza contare che sembra difficile cucinare senza alimenti animali.

I primi tanto quanto, i contorni nessun problema…ma i secondi? Cosa facciamo mangiare alla bambina, o agli zii, o a quegli amici che vengono a pranzo?
Non sto a dire che lo scoglio più duro è la crescita, “sana”, della bambina!

A due anni, anzi anche prima, già doveva conoscere tutto il mondo dei gusti disponibile sulla faccia della terra! Che fretta! Aspettiamo un po’, diamo tempo alle papille gustative di assaporare i gusti così delicati, freschi e sani delle verdure, dei legumi, dei cereali e pseudo cereali (vedi quinoa, grano saraceno ecc..) della frutta di stagione.

Quando dissi alla pediatra che stavo svezzando Zoe con le lenticchie rosse decorticate quasi prese fuoco…lei, la pediatra… “Ma come? E poi magari venite da me dicendomi che i vostri figli hanno mal di pancia!!”…Io devo ammettere di non aver ribattuto molto, ma col senno di poi e con la “scorza” fattami col tempo ne avrei di cose da dirle!

Certo, una meraviglia se invece li svezziamo con i liofilizzati e a seguire gli omogeneizzati? A quel punto i mal di pancia sarebbero solo “mali di stagione o di crescita”? Di assestamento per i nuovi cibi che stiamo somministrando ai nostri figli?

I medici sono ancora troppo abituati a non legare i malesseri dell’organismo a quello di cui lo stesso è costretto a nutrirsi.

Ippocrate, padre della medicina ( 460-357 a.C. ) invece disse << Chi non conosce il cibo non può capire le malattie dell’uomo>> .

Ci auguriamo che leggere la testimonianza di Clara possa servire a tutte le mamme che vogliono avvicinarsi alla alimentazione vegana e che ancora hanno dubbi.

Fonte: http://www.bambinonaturale.it/2012/11/mamma-vegana-contro-tutti/

di Antonella Tomassini

 

Il Piatto Veg Mamy
La dieta vegetariana per la mamma e il suo piccolo
€ 18

We will be happy to see your thoughts

Leave a reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Search