Cromoterapia, quando i colori guariscono. | ilVegano.it
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Cromoterapia, quando i colori guariscono.

Avete mai sentito parlare di cromoterapia?

La cromoterapia , dal greco “cura con il colore”, è una scienza della medicina alternativa che studia la struttura della luce e del colore e del loro effetto sull’uomo, dimostrando che si hanno effetti benefici sull’umore, sullo stato d’animo e anche su quello fisico.

Psicologi e fisici affermano che il colore è una sensazione visiva che si ha quando determinate onde elettromagnetiche stimolano la retina. Dalla diversa lunghezza di queste onde dipende la varietà dei colori.
A volte, il nostro stato d’animo può essere cambiato anche dal colore dell’indumento che indossiamo, vestirsi con colori allegri sicuramente ci porterà più energia rispetto all’indossare abiti di colori spenti.

La cromoterapia usa i colori della luce visibile, con frequenza più alta degli infrarossi e più bassa degli ultravioletti.

Si dividono in colori caldi, ossia le gradazioni del giallo, rosso, arancione e rosa che ispirano gioia di vivere, calore, buon umore, ma a volte possono scaturire aggressività e ansia, e colori freddi, ossia blu, azzurro, indaco e viola, che favoriscono calma e serenità ma a volte se usati in maniera inadeguata malinconia e tristezza.

Secondo i principi della cultura orientale la cromoterapia,  è utile per riequilibrare l’energia del corpo attraverso i meridiani del corpo, ossia i canali che trasportano l’energia in tutto il corpo.

Quindi liberando i meridiani e i chakra, ossia i centri di stoccaggio dell’energia, il nostro corpo sarà riequilibrato anche nella parte fisica e materiale.

Ecco come agiscono i colori nella nostra casa.

Il rosso è il colore della memoria, della gioia e della passione, è usato in camera da letto, nella sfumatura più tenue ed in cucina, dove intensifica le emozioni e stimola l’appetito. Da evitare nelle camere dei bambini.

Il giallo è il colore dell’autostima e della fiducia in noi stessi, è preferibile usare tonalità poco intense, poiché tonalità troppo forti possono generare nervosismo, limitandoci a qualche decorazione o fiori color giallo o arancione, in sala da pranzo per comunicare calore e gioia.

L’azzurro è il colore della calma e del rilassamento, viene usato contro lo stress, (pensiamo alla sensazione che si prova  quando si osserva il mare o un bel cielo sereno), dipingere una parete di azzurro è ideale anche nella camera dei bambini o in salone. Per regalarci relax, aggiungiamo anche un tappeto blu o una coperta.

Il verde per eccellenza è il colore della natura, quindi troveremo equilibrio dipingendo una parete della nostra cucina e sicuramente ci disintossicheremo.

Il rosa è il colore dell’amore, ideale da usare per le lenzuola, o per le camere da letto.

Il viola è un colore che dona relax, ideale per la camera dove di solito ci si dedica ai nostri hobby, in quando ci fa concentrare, quindi aggiungiamo cuscini delle tonalità più chiare e tovaglie in cucina.

Il bianco è  il colore della purezza, ideale per tutte le pareti della casa, illumina l’ambiente e dona pace ma per non cadere nella malinconia è preferibile abbinarlo ad altri colori.

Ricordiamoci, inoltre che il nostro corpo e spirito assorbe il colore anche dall’alimentazione.

Quindi, quando ci nutriamo di colori il cervello reagisce innescando automaticamente delle vere e proprie reazioni chimiche che a loro volta possono influenzare la funzionalità di alcune attività dell’organismo.

E per chi ha ancora dei dubbi, c’è chi ha fatto della cromoterapia, un principio di vita da attuare in un quartiere alla periferia di Roma, dove Mario D’Amico, insieme ai Pittori Anonimi del Trullo, due anni fa ha deciso di dipingere strade, scale e palazzi, di eliminare il grigio dai muri sostituendolo con vernici colorate, che hanno cambiato notevolmente l’animo dei residenti, donando serenità e maggior pulizia.

Provate anche voi  a notare come il colore può cambiarci la vita.

di Antonella Tomassini

 

 

Search