Allarme estinzione: uno studio afferma che gli animali molto grandi e molto piccoli di dimensioni sono maggiormente in pericolo.
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Allarme estinzione: uno studio afferma che gli animali molto grandi e molto piccoli di dimensioni sono maggiormente in pericolo.

Una recente analisi, pubblicata su Pnas (Proceedings of the National Academy of Sciences), eseguita da un team internazionale di ricercatori dell’Oregon State University, guidati da Bill Ripple, afferma che gli animali di grandi e piccole dimensioni sono maggiormente a rischio estinzione.

I ricercatori sostengono infatti, che le dimensioni del corpo degli animali che si trovano nella  Goldilocks Zone, chiamata anche  zona abitabile o zona di vita , sono fondamentali in fatto di estinzione, e che vincenti sono gli animali che hanno dimensioni medie.

Secondo gli studiosi sarà necessario eseguire un piano di protezione dei predatori più grandi, minacciati dalla caccia e dalla pesca, e dei piccoli vertebrati minacciati invece dall’ inquinamento, dall’agricoltura intensiva e dal disboscamento e che non possono spostarsi lontano da dove vivono.

Bill Ripple e il suo team, ha esaminato un database di oltre 27.000 vertebrati, tra uccelli, rettili, anfibi, pesci ossei, squali, razze e mammiferi e circa 4000 sono minacciati di estinzione. 

Uno degli autori dello studio, Thomas Newsome , della Facoltà di scienze delle università australiane di Sydney, ha sottolineato che “La perdita di queste specie avrebbe un impatto significativo sul pianeta: i grandi vertebrati svolgono un ruolo importante nella strutturazione degli ecosistemi. Molti vertebrati di grossa taglia  che rischiano di essere a rischio di estinzione nella nostra analisi sono anche predatori che influenzano le reti alimentari dall’alto verso il basso e possono influenzare processi ambientali come le malattie, gli incendi e lo stoccaggio di carbonio e possono anche coinvolgere le comunità nel cambiamento climatico. Il fatto è che la nostra ricerca dimostra che il rischio di estinzione è più elevato per gli animali di grandi dimensioni, e si aggiunge alla crescente preoccupazione che la perdita di predatori al vertice ostacolerà il delicato equilibrio dell’ecosistema”.

Ma hanno un ruolo fondamentale anche i piccoli vertebrati, infatti secondo Newsome “Svolgono un ruolo importante, in particolare per le funzioni ecologiche che richiedono una piccola dimensione corporea, inclusa l’impollinazione effettuata da pipistrelli e colibrì. Quindi i nostri risultati evidenziano il pericolo di concentrarsi sproporzionatamente sulla conservazione delle specie più grandi, spesso di fronte  a grandi sforzi di raccolta fondi. In passato sono state sottovalutate le vulnerabilità dei vertebrati più piccoli, quindi questa ricerca dimostra l’importanza degli sforzi di conservazione per i membri più grandi e più piccoli del regno animale”.

Secondo lo studio stiamo vivendo la sesta estinzione di massa di animali ed è opportuno “In definitiva, ridurre il consumo globale di carne di selvaggina è un passo fondamentale necessario per ridurre gli impatti negativi della caccia, della pesca e della cattura antropica sui vertebrati del mondo” e concludono: “L’estinzione può essere un processo naturale che colpisce ogni anno una manciata di specie. Tuttavia, le stime suggeriscono che il mondo sta perdendo specie a centinaia di volte il tasso di background ”.

Il quadro dell’analisi è davvero preoccupante, fermiamoci allora a riflettere sul fatto che gli animali fanno parte del nostro ecosistema e vanno protetti per qualsiasi motivo.

di Antonella Tomassini

 

Search