Onnivori contro vegani: la risposta di Valdo Vaccaro alla lettera della signora Tiziana che lo accusa di essere paranoico.
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Onnivori contro vegani: la risposta di Valdo Vaccaro alla lettera della signora Tiziana che lo accusa di essere paranoico.

C’è chi ci accusa i vegani di essere esagerati, di far parte di una setta, chi afferma addirittura che sono malati e il fatto di non mangiar carne implica problemi di salute. Le polemiche tra onnivori e vegani non hanno mai fine, soprattutto in questi ultimi periodi, ma per fortuna i vegani vanno avanti tralasciando queste inutili controversie e mettendo in evidenza il confronto tra alimentazione etica e quella onnivora.

A tal proposito leggiamo sul blog di Valdo Vaccaro la lettera della signora Tiziana e la risposta di Vaccaro, per capire fino a che punto può arrivare il pensiero di alcuni onnivori sul mondo vegano.

Buona lettura…

LETTERA

LEI È AL MONDO PER SCOMBUSSOLARE LA GENTE

Salve, l’ho appena conosciuta sul suo sito e, in base ad una risposta ad una lettrice, ho più o meno capito che lei è un altro che è al mondo per scombussolare la gente. Ora seguirò un attimo il suo profilo facebook, il suo sito e ciò che dice. Ma già il fatto di sostenere che la carne uccide mi basta.

CONTINUATE A DEMONIZZARE I CIBI DI CONSUMO COMUNE, MENTRE MORIAMO DI SMOG E DI STRESS

Per me è uno dei tanti paranoici. Ora siete in molti, troppi. La farina bianca aumenta il rischio di tumori, idem il lievito e il pane e la mollica. Idem lo zucchero, i dolci, eccetera eccetera. Allora io le dico che moriamo di smog e di stress.

I GRANDI LAVORATORI CREPANO PRIMA, I GRANDI LAZZARONI SE LA CAVANO BENISSIMO

Il tumore è alimentato da come viviamo. La malattia la creiamo noi. Più soffri, più lavori e più sei distrutto. A Nord come al sud i grandi lavoratori crepano prima, mentre i grandi lazzaroni campano 100 anni. La malattia è uno stile di vita, e ne ho le prove.

MIO PADRE USAVA MANGIARE TRIPPA PERSINO A COLAZIONE E FA 10 KM AL GIORNO COI SUOI 90 ANNI SULLE SPALLE

Mio padre è stato un grande lavoratore ma poco sensibile e quindi gran menefreghista. Gran mangiatore di carne, di pasta, di dolci, di carne di maiale, di tutto e di più. Anni addietro si mangiava persino la trippa a colazione. Ora, a 90 anni, cammina tutte le mattine per 10 km ed è tuttora vitale. Continua a mangiar carne tutti i giorni. Idem facevano i miei nonni.

MORIAMO DI INQUINAMENTO E DI STRESS COME I MIEI AMICI DI SCIENTOLOGY

Moriamo di inquinamento perché quel che mangiamo è tutto inquinato, pure per i vegani. Io ho un sacco di amici con la casa in America perché sono di Scientology e mangiano più o meno come lei. Bello a sapersi, è già il 4° amico che muore di tumore al di sopra dei 50 anni. Pertanto smettetela. I tumori vengono per lo stress. Le disgrazie che subiamo, le disperazioni che proviamo aumentano i tumori. Tutto ciò che la nostra mente tiene dentro fa ammalare il corpo. Pure lo smog ammazza perché l’Italia è inquinatissima.

MORIRÒ DI TUMORE IN QUANTO LO CERCO FUMANDO 20 SIGARETTE AL GIORNO

I primi uomini cacciavano per mangiare e non mangiavano l’erba, quella è meglio fumarla, in caso. Comunque io morirò di tumore, perché me lo cerco fumando 20 sigarette al giorno, e non perché mangio la carne o la pasta bianca.

NON HO UN VALORE FUORI POSTO

I miei valori del sangue, nonostante le tante medicine che assumo sono ottimi. Ho 55 anni e non ho un valore fuori posto. State rompendo le palle alla gente. Secondo me lo fate per fare soldi e stop. Non c’è altro motivo. Vergognatevi!

Tiziana

Ed ecco la risposta di Valdo Vaccaro alla signora Tiziana. Mi raccomando continuate a leggere.

RISPOSTA

GRAZIE PER IL PARANOICO E PER LO SCOMBUSSOLATORE

Ciao Tiziana, la tua lettera pare concepita per diffamare, ma paradossalmente ottiene l’effetto opposto. “Tutto ciò che la nostra mente tiene dentro corrode e fa ammalare il corpo”, dici. Più che giusto. Dal tuo tono si evince che sei davvero stracarica di veleni e che hai voluto sfogarti dicendo peste e corna contro la categoria dei vegani che sono troppi e che rompono le palle, e contro di me che sarei uno dei tanti paranoici venuti qui a scombussolare la gente allo scopo di fare soldi e niente altro, per cui mi dovrei pure vergognare. Hai sputato il tuo rospo e c’è da sperare che sia servito a farti stare meglio e a metterti in grado di ascoltare con un minimo di serenità, ammesso che tu ne possegga in questa circostanza piuttosto smodata.

FACCIO FINTA DI NON AVER LETTO LE OFFESE E LE MALEDUCAZIONI

Troppo facile per me prendere una lettera di insulti gratuiti e privi di senso e cestinarla. Faccio finta che la plateale, maldestra e del tutto gratuita esternazione da parte tua non esista, o che sia solo un banale incidente di percorso, e rispondo ai punti concreti che hai sollevato.

IL PARAGONE CON SCIENTOLOGY È ADDIRITTURA ABOMINEVOLE

Hai citato Scientology e questo è letteralmente penoso oltre che del tutto sviante. Siamo gente aperta e libera, non soggetta ad alcun credo politico o religioso. Scientology poi non ci rassomiglia proprio in niente, ma è esattamente agli antipodi. Già la figura del fondatore L. Ron Hubbard, morto nel 1986 per colpo apoplettico, è quello di un soggetto squilibrato ed ex-organizzatore di riti massonici e di messe nere. Nel 1954 fondò la Chiesa chiamata Scientology. Una fede religiosa carica di fanatismo e di indottrinamento. Qualcosa da lasciare a Hilary Clinton, a John Travolta, a Lise Marie Presley e a Tom Cruise che è riuscito di recente a liberarsi da questa autentica trappola.

FANATISMO E FANTASCIENZA SPACCIATI PER RELIGIONE

Hubbard non era uno scienziato o un ricercatore serio ma solo uno scrittore di fantascienza, privo di conoscenza e di esperienze positive, assillato dalle droghe e dall’LSD assunti in gioventù e quindi ossessionato da progetti di ipotetica depurazione a base di saune e di essudazioni continue. Basti dire che le diete di Hubbard prevedono dosi massicce di vitamine sintetiche e di minerali inorganici. Colmo dei colmi scrisse un libro dal titolo “Mente Sana in Corpo Sano”, offendendo persino la memoria del grande Giovenale e di Roma Antica.

IL RUOLO DEL CIBO È DETERMINANTE

Moriamo di smog e di stress, dici, ma non certo dai cibi di consumo comune. Il fatto che mangiamo almeno 3 volte al giorno fa sì che il cibo assuma importanza fondamentale e non ornamentale. D’altra parte non devo star qui a provare le cose ovvie sulle quali le ricerche scientifiche e le statistiche mondiali non lasciano ombra di dubbio. Smog e stress giocano un ruolo importante? Nessuno lo nega. Mangiamo 3 o più volte al giorno, ma respiriamo e pensiamo in continuazione 24 ore su 24 non stop, figurarsi se questo non ha la sua forte rilevanza.

UN CONTO È LAVORARE CON CONVINZIONE ED ENTUSIASMO, UN ALTRO È FARLO PER IMPOSIZIONE E COSTRIZIONE

Anche il discorso sui grandi lavoratori e i grandi lazzaroni ha basi di verità. Lavorare troppo, soffrire troppo, sottoporre il corpo e il morale a troppe fatiche comporta sicure conseguenze. Occorre anche dire che se il lavoro piace ed entusiasma chi lo fa, ovvero se si tratta di una attività scelta in base alle proprie attitudini ed ambizioni, fa molto meno male. Occorre credere in quello che si fa.

LE STATISTICHE VALIDE RICHIEDONO GRANDI NUMERI E NON CASI RARI E SUI GENERIS

Il discorso di tuo padre 90 enne che fa camminate di 10 km e continua a mangiar carne, dopo che in passato si mangiava trippe persino a colazione non fa testo. Come non fa testo chi fuma tabacco e sigari o chi beve caffè e alcol e ciononostante raggiunge età avanzate. Le statistiche non si fanno con i casi rari ed eccezionali che pure esistono, ma solo coi grandi numeri, e i grandi numeri parlano non chiaro ma chiarissimo, smentendo del tutto quanto pensi e quanto scrivi. Tuo padre, a cui auguro di vivere a lungo, ha sicuramente una scorza fuori del comune. Essendo pure insensibile e menefreghista, ha pure trovato un metodo per scansare lo stress, e ha capito che la camminata giornaliera lo aiuta a campare a lungo.

NON SONO DI CERTO LE TRIPPE A DARE VITALITÀ E LONGEVITÀ

Se col suo sistema toccherà i 100, alimentandosi invece con una dieta leggera e digeribile ed innocente potrebbe puntare sui 130. Tuttavia insisto per dire che non sono gli anni in sé a determinare il successo o l’insuccesso di una esistenza, ma piuttosto la qualità della vita stessa, la soddisfazione di essere in armonia con se stessi, col creato e con chiunque condivida le sorti di camminare sul nostro pianeta. In ogni caso, i suoi attuali 90 anni non sono merito della carne o della trippa. Lui è vivo e vegeto non grazie ad esse ma nonostante esse.

BASILARE DIGERIRE BENE E COSTRURSI UN SANGUE FLUIDO

I tuoi 4 amici di Scientology morti per cancro non provano assolutamente niente. Anzi danno ragione al nostro pacchetto salute che porta avanti un discorso del tutto diverso, e che punta sostanzialmente a cibi compatibili col nostro disegno gastrointestinale e con le attitudini gustative, estetiche ed etiche umane, oltre che con la massima semplicità, vitalità, acquosità, vibrazione e digeribilità. Chi digerisce bene si costruisce un sangue pulito e fluido, e non patologicamente catramoso.

I VEGETALI SI DIFENDONO DALL’INQUINAMENTO MENTRE GLI ANIMALI NO

Vero è che l’Italia è inquinata oltre misura. Noi ci diamo da fare per contrastare duramente anche queste tendenze della agricoltura corrotta dominante, tesa a fornire mais e soia intrisa di OGM e di round-up ai poveri animali imprigionati e destinati al macello per colpa specifica ed imperdonabile dei mangiatori di cadaveri, sotto forma di hamburger, di salumi, di fegatini, di bistecche, di ragù e di trippe, sostanze ripugnanti e nauseabonde rese mangiabili grazie a coperture di sale e di salse. In ogni caso, i livelli di inquinamento risultano micidiali per tutti gli animali di allevamento, mentre i vegetali usufruiscono comunque di acqua e di sole e rimangono stracarichi di forza vitale, di intelligente forza auto-digestiva ed auto-depurativa capaci di annientare e debellare la minima presenza di inquinanti.

IL CIBO CONTA ECCOME, ESISTONO PROVE INECCEPIBILI

Fumare 20 sigarette al giorno è un suicidio giornaliero e dimostri di esserne al corrente, al punto di ammettere che questo ti porterà a morire di tumore, mentre il cibo carneo o non carneo secondo te nulla conta. Padrona di crederlo, ma sei del tutto fuori strada.

LE PROVE DEL SANGUE CONTANO QUANTO IL FANTE DI BRISCOLA

Concludi dicendo che mangiando come mangi e assumendo farmaci, e forse anche integratori, ti ritrovi con un sangue perfetto, senza un solo valore fuori posto. Infatti dico da sempre che molta gente finisce malamente i suoi giorni con tutti i valori a posto, sinonimo non certo di salute ma di sclerosi immunitaria e di mancanza di dinamismo depurativo, mentre chi ha dei valori sotto asterisco dimostra almeno di essere un cantiere con lavori in corso e con evidente dimostrazione di vitalità depurativa.

IL DECALOGO DI RALPH CINQUE SUL NON MANGIAR CARNE

Ti regalo per finire il decalogo del dr Ralph Cinque, maggiore autorità vivente nel campo dei medici-igienisti, decalogo preso dal suo testo “Quit for Good” (Smetti per Sempre): 1) Non ho bisogno di mangiar carne per essere ben nutrito. I vegetali sono il mio cibo naturale di elezione, e si trovano in abbondanza dovunque. 2) Sarei costretto ad uccidere per mangiare della carne. Innocenti e senzienti creature che non conosco nemmeno dovrebbero soffrire e morire per colpa mia. Il fatto che io noleggi dei sicari per ammazzarle non diminuisce le mie responsabilità ma le moltiplica. Mangiare carne è sempre e comunque un odioso crimine. 3) La carne contiene molti prodotti di scarto, incluse deiezioni degli stessi animali e scorie del loro metabolismo troncato all’improvviso. In ogni porzione di carne c’è dell’urina e dei liquidi organici. 4) La carne contiene numerosi contaminanti di origine agricola, medicinale e industriale, inclusi erbicidi, pesticidi, fungicidi, antibiotici, vermifughi, stimolanti, ormoni per la crescita e altre droghe pericolose. Non posso lavare la mia carne. Non posso pelarla. Non posso nemmeno controllare qual’è stato il suo percorso e cosa contiene. 5) La carne contiene ormoni femminili o estrogeni che rendono i maschi adulti impotenti e che impediscono ai bambini di crescere armoniosamente. 6) La carne è carica di grassi saturi e di colesterolo che guastano il mio sangue, ostruiscono le mie arterie, appesantiscono e sovraccaricano il mio fegato, devastano il sistema ghiandolare, intasano la mia cistifellea, scassano il sistema renale, irritano il mio colon, incrementano il rischio di infarto e di ictus. Persino la carne magra deriva il 59% delle sue calorie dal grasso. 7) L’eccesso proteico delle carni danneggia i reni, demineralizza le ossa, acidifica il sangue, accelera il mio orologio biologico e stimola la crescita di cellule tumorali in tutto il corpo. Il mangiar carne causa al corpo cattivi odori che nessuna colonia e nessun deodorante sono in grado di coprire e di mascherare. 9) Produrre carne implica un enorme spreco di suolo, di acqua, di granaglie, di legumi o soia, di carburante e di danaro. Non esiste danno più grande all’ecosistema e alle risorse del pianeta di quello che risulta dal produrre carne. 10) Una bistecca al barbecue può contenere benzopirene equivalente a 600 sigarette. Il totale ammontare di materiale bruciato in una singola porzione di carne grigliata è molte volte superiore a tutta l’aria assorbita in un intero giorno di esposizione nella città più inquinata.

Valdo Vaccaro

tratto da valdovaccaro.com

E voi cosa avreste risposto alla signora Tiziana? Aspettiamo i vostri commenti. 😉

di Antonella Tomassini

Storia dell'igienismo Naturale
Da Pitagora alle Scie Chimiche

Voto medio su 15 recensioni: Buono

€ 14

Dizionario di Salute Naturale
Le risposte della scienza igienista – a ogni sintomo un rimedio

Voto medio su 25 recensioni: Buono

€ 16

We will be happy to see your thoughts

Leave a reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Search