La fame nervosa: come fare per combatterla.
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

La fame nervosa: come fare per combatterla.

Quante volte abbiamo aperto l’anta della dispensa o la porta del frigo, alla ricerca di qualcosa da mangiare perché ci sentivamo soli e annoiati, credendo di essere affamati?

In questo caso mangiare e addentare tutti i biscotti al cioccolato si chiamerà fame nervosa, ossia una voglia di mangiare originata non da un bisogno fisiologico bensì da uno stato emotivo, come ansia, paura, noia, solitudine, ed è sicuramente un’ abitudine sbagliata della nostra alimentazione.

Sarebbe più opportuno, invece di provare soddisfazioni momentanee mangiando quando non sentiamo veramente il bisogno,  accettare il modo in cui ci sentiamo,  perché sicuramente dopo che avremo divorato una confezione intera di merendine o gli avanzi della torta golosa al cioccolato della sera prima, ci verranno i sensi di colpa e staremo peggio di prima.

Come fare per salvare la linea e la salute se soffriamo di questo disturbo dell’alimentazione?

Gli studiosi affermano che la fame nervosa è dovuta a un’alterazione del meccanismo di controllo da parte dell’ipotalamo, infatti nel cervello ci sono delle sentinelle che avvertono il corpo quando il livello dei zuccheri è troppo basso e da qui scaturisce il bisogno di cibo.

Ma questo processo può essere influenzato anche da altre cause, come appunto l’ansia, la tristezza e tutti gli stati emotivi che a cui siamo sottoposti, cercando allora nel cibo l’affetto che ci manca.

Esistono alimenti che riducono la fame nervosa, grazie al triptofano contenuto, un aminoacido essenziale, precursore della serotonina, donando benessere al nostro corpo come le banane, i legumi secchi e i cereali integrali.

È utile assumere anche la lattuga, ricca di bromo e frutta secca, cioccolato amaro e castagne, ricche invece di magnesio. Anche i carboidrati, in una giusta dose aiutano a stimolare la produzione di serotonina, così come mangiare piccante può donare piacere.

Consigliato bere acqua, frullati e tisane rilassanti, come quella al tiglio o melissa, angelica o all’arancio amaro che aiutano i nostri stati d’ansia e ad affrontare meglio le situazioni di stress.

Come rimedio alternativo quando ci troviamo di fronte alla dispensa in cerca di qualcosa che soddisfi le nostre mancanze, è opportuno fare un gran bel respiro, e rivolgere la nostra attenzione ad altre attività per distrarci e rilassarci.

Anche praticare sport può essere un’ottima soluzione.

Ricordiamoci allora che la natura ci offre la soluzione per tutto.

di Antonella Tomassini

 

 

We will be happy to see your thoughts

Leave a reply


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Search