Cosa rivelano i colori di frutta e verdura?
NON PUOI ASSOLUTAMENTE PERDERE:

Cosa rivelano i colori di frutta e verdura?

Il colore di frutta e verdura e’ dato dai fitochimici.

Queste molecole, che si trovano esclusivamente nella frutta e nella verdura e da nessuna altra parte, sono dotate di sorprendenti qualità benefiche che vengono rivelate esternamente da colori e toni e fragranze, e svolgono potenti azioni protettive sui vari organi interni del nostro corpo.
Ciascun vegetale contiene uno o più fitochimici che, insieme a vitamine-minerali-oligoelementi, agiscono in modo sinergico, potenziando al massimo le proprie virtù salutari.

I fitochimici rossi, carichi di licopene e antocianine

Si trovano ovviamente in tutti i frutti e le verdure colorate di rosso, tipo anguria, arance rosse, pesche noci rosse, ciliegie, fragole, ravanelli, bietole rosse, erbette, pomodori, peperoni rossi, insalate rosse, uva rossa, ribes rosso, more di gelso rosse, uva spina rossa, mele rosse, melograni, e sono caratterizzati dalla presenza di due nutraceuti dotati di potente azione antiossidante: il licopene e le antocianine.

Il licopene è un carotenoide in grado di contrastare l’azione dannosa dei radicali liberi, e protegge in particolare dal tumore della mammella e di quello dell’ovaio nelle donne, e dal tumore della prostata e dei testicoli nei maschi.

I pomodori sono la fonte più importante di licopene e pare, almeno in questo caso, che una leggera cottura con aggiunta di olio di oliva renda la molecola addirittura più biodisponibile (sempre restando però i danni notevoli del calore a vitamine ed enzimi).

Tra i frutti, l’anguria è quella che ne contiene di più, seguita dalle fragole, dal ribes rosso, dal mirtillo rosso, dall’uva asinina, dai lamponi, dalle ciliegie, dalle uve rosse, dal dragon fruit rosso.

Inserendo queste sostanze nella propria dieta l’uomo si garantisce un rallentamento dell’invecchiamento cutaneo, una protezione dalla cataratta e dalle patologie neurovegetative (vedi Parkinson ed Alzheimer).

Le antocianine sono le molecole che danno il colore rosso a frutta e verdura.
Sono indispensabili per contrastare la fragilità capillare, nella prevenzione dell’aterosclerosi e per il miglioramento della funzione visiva.
Le arance rosse si distinguono per il loro elevato contenuto di antociani, ma anche di vitamina C, nota per le sue qualità antiossidanti, immunostimolanti e cicatrizzanti.

I fitochimici giallo/arancio, carichi di carotenoidi e flavonoidi

Si trovano nei frutti e nelle verdure gialle tipo albicocche, arance gialle, cachi, mandaranci, limoni, nespole, uva ribes gialla, kiwi golden, meloni, zucche, zucchine gialle, carote, peperoni gialli, pompelmi, pesche, uve paglierine, lampone giallo, mango, durian, more di gelso gialle, uva spina gialla, pescocche, mele cotogne, pere, banane, ananas, papaia, datteri.

I fitochimici più rappresentativi di questo gruppo sono i carotenoidi e i flavonoidi.
I primi vengono assorbiti insieme ai grassi alimentari, proteggono le cellule dai radicali liberi, si accumulano nelle cellule epiteliali e, se consumati in grandi quantità, conferiscono alla cute una tipica sfumatura giallo-arancione.

I secondi esercitano la loro attività antiossidante prevalentemente a livello intestinale, dove neutralizzano la formazione di radicali liberi.

L’arancia, il limone e il peperone giallo sono molto ricchi di vitamina C che, in sinergia con questo gruppo, stimola la riparazione tissutale, svolge attività antiossidante ed aumenta l’assorbimento intestinale del ferro.

I fitochimici verdi, carichi di clorofilla, carotenoidi e acido folico

Si trovano nei frutti e nelle verdure verdi tipo kiwi, uva verde, fico verde, mela verde, uva spina verde, susine verdi, agretti, asparagi, basilico, bieta, broccolo, cavolo, cappuccio, cetriolo, cicoria, cime di rapa, indivia, lattuga, prezzemolo, rucola, tarassaco, spinaci, zucchina verde, cime di vite, asparagi di luppolo, asparagi di pungitopo, peperoni verdi, fagiolini verdi, piselli, germogli alfa-alfa, trifoglio, selene, valeriana, carciofi.

I fitochimici più rappresentativi del gruppo sono la clorofilla, i carotenoidi e l’acido folico.

La clorofilla è responsabile del colore verde, è solubile nei grassi e possiede proprietà antiossidanti, astringenti e cicatrizzanti.
Inoltre riduce i flussi mestruali sovrabbondanti e aiuta a controllare l’odore acre del sudore e delle urine.
Insieme ai carotenoidi, previene la perossidazione lipidica e riduce il rischio di sviluppare coronaropatie.
L’acido folico (o vitamina B9) migliora l’attività del sistema nervoso, protegge dall’anemia e dai tumori, e fa pure da alternativa e da integrazione alla vitamina B12.
Broccoli, prezzemolo, spinaci e kiwi presentano pure un buon contenuto di vitamina C, che assolve sempre compiti fondamentali.

I fitochimici blu/viola, carichi di antocianine, carotenoidi, beta-carotene e resveratrolo

Si trovano nei frutti e nelle verdure blu/viola, come il lampone blu, il fico scuro, il mirtillo la mora di rovo, la mora di gelso scura, il ribes nero, la prugna, l’uva nera, i radicchi scuri, la melanzana, il peperone viola.

I fitochimici più importanti del gruppo sono le antocianine, i carotenoidi, il beta-carotene ed il resveratrolo, tutti accompagnati da abbondante vitamina C, da potassio e magnesio, nonché da molta fibra solubile.

Le antocianine svolgono attività antiossidante, diminuiscono la fragilità capillare e l’aggregazione piastrinica.

I carotenoidi riducono il rischio di sviluppare tumore, rallentano l’invecchiamento cutaneo e proteggono da ictus e infarto.

Il beta-carotene migliora la visione, stimola il sistema immunitario e facilita l’abbronzatura.

Il resveratrolo è il fitochimico di più recente scoperta e si trova abbondante nell’uva nera, soprattutto nei vitigni autoctoni (come l’uva baccò friulana).
Per le sue spiccate proprietà antiossidanti è in grado di ridurre l’incidenza di infarti e ictus.
Nei frutti di bosco e nel radicchio scuro sono contenute le maggiori quantità di vitamina C, che, associata a questi nutraceuti, diventa protettrice di vene, capillari e delle vie urinarie.

Buone quantità di potassio sono contenute nel radicchio, nei fichi, nel ribes, nelle more e nelle prugne, il cui consumo è associato a un minor rischio di malattie cardiovascolari e di ipertensione arteriosa.
Le melanzane invece sono ricchissime di magnesio e rappresentano le verdure meno caloriche del gruppo.
Tutti gli alimenti blu/viola sono caratterizzati da un elevato quantitativo di fibra solubile che regola l’assorbimento dei grassi e degli zuccheri semplici e favorisce lo sviluppo della flora batterica intestinale.

I fitochimici bianchi, carichi di quercitina, isotiocianati, flavonoli, flavoni e catechine

Si trovano nei frutti e nelle verdure a pasta bianca, tipo mela, pera, noce di cocco, rambutan, longan, dragon-fruit, aglio, cipolla bianca, cavolfiore, porro, finocchio, fungo, sedano bianco, patata, patata dolce, castagna, topinambur.

I fitochimici qui più importanti sono la quercitina, gli isotiocianati, i flavonoli, i flavoni e le catechine.

La quercitina è sostanza antiossidante ed antiallergica, molto attiva nella prevenzione dei tumori.
Gli isotiocianati sono invece utili nella prevenzione dell’invecchiamento cellulare.
I flavonoidi (flavonoli, catechine e flavoni) sono potenti antiossidanti e protettori dell’attività polmonare.
Le cipolle sono i vegetali più ricchi di quercitina e, grazie al loro contenuto di flavonoidi, contrastano la perdita di calcio dalle ossa (osteoporosi).
Aglio e porri si distinguono per la presenza di allisolfuro che fluidifica il sangue e protegge l’organismo dagli eventi trombo-embolici.
Il selenio, oligoelemento ben rappresentato nei funghi, previene l’ipertensione arteriosa, l’anemia e numerose forme di tumore.

www.valdovaccaro.blogspot.com

Dizionario di Salute Naturale
Le risposte della scienza igienista – a ogni sintomo un rimedio

Voto medio su 24 recensioni: Buono

€ 16

Alimentazione Naturale - Vol. 1
Manuale pratico di igienismo-naturale – La rivoluzione vegetariana: mangiare bene per vivere meglio

Voto medio su 105 recensioni: Da non perdere

€ 24

Fonte: http://www.igienenaturale.it/faq.html#frutta

Search